Previous
Next
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email

Igor d’India

Un uomo d’azione

Igor d'India

Il mare è il primo ecosistema con cui sono venuto a contatto da bambino e quello che che ha scoperchiato il vaso della mia voglia di esplorare – dice Igor d’India, esploratore, documentarista e Ambassador di One Ocean Foundation dal 2019.

Ammiratore del leggendario esploratore Walter Bonatti, ne segue le tracce per 7.000 km da Toronto allo Yukon Territory, per poi percorrere 1.400 km nel fiume Yukon in canoa in solitario. Sempre in canoa discende nel 2015 il fiume Mekong, e in seguito diversi altri fiumi in Italia e in Belize, avventure da cui nasce la docu-serie TV The Raftmakers. Torna in Alaska videocamera alla mano per raccontarci come cambia la vita dei nativi Gwitch’in col riscaldamento globale.

Dopo diverso tempo speso in giro per gli oceani a girare video per il mondo della vela d’altura, si specializza in riprese subacquee e lancia il suo progetto Abyss Cleanup per liberare i fondali in Liguria e Sicilia dalle discariche sottomarine. 

La Fondazione ed io abbiamo una missione in comune – dice – io giro il mondo e racconto storie realizzando docu-serie TV e video sul web, ma provo anche a creare alleanze tra persone che possono risolvere problemi ambientali gravi, come sto facendo per il fiume Oreto e con “Abyss Cleanup”. La collaborazione con la Fondazione è un’alleanza strategica in questo senso.

Se mi chiedo cosa mi piace di One Ocean Foundation ti rispondo che per me ha un sistema di comunicazione che si basa su fonti affidabili e scientifiche, che non urla in modo sensazionalistico il proprio messaggio e che può crescere molto in futuro.

Scopri tutte le avventure di Igor d’india:

http://www.igordindia.it/about/