Previous
Next
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email

Maria Cristina Finucci

Fondatrice del Garbage Patch State

Finucci Maria Cristina

Artista, architetto e designer italiana, è conosciuta per le sue maxi installazioni e progetti di sensibilizzazione sul problema della plastica. Fondatrice del Garbage Patch State, Maria Cristina Finucci è diventata One Ocean Ambassador nel 2017 e partecipato alla conferenza del One Ocean Forum a Milano.

“Oggi è un giorno importante, il giorno in cui uno Stato, la cui estensione supera i sedici milioni di chilometri quadrati, viene finalmente riconosciuto. Si alza il velo d’ipocrisia che teneva nascosta una realtà che nessuno voleva vedere. È l’ora in cui tutto il mondo deve sapere che esiste una Nazione composta pezzo per pezzo da qualcosa che ognuno di noi ha abbandonato perché poco importante. Ciascuno di noi ha partecipato alla formazione di questa realtà fatta di bottiglie usate una sola volta e abbandonate, accendini gettati per la strada, ciabatte di gomma dimenticate sulla spiaggia, bicchieri e piatti di plastica gettati via. Ma dov’è “Via”?

Questo è l’away state, uno Stato composto da oggetti appartenuti a qualcuno di noi. L’abbiamo costruito in sessant’anni. In sessant’anni siamo stati capaci di formare un agglomerato vasto come un continente, composto da cinque grandi isole nel mezzo degli oceani, siamo riusciti a modificare la geografia della Terra e oggi, non potendolo più a lungo nascondere a noi stessi, lo riconosciamo come Stato Federale”.

Finucci Maria Cristina garbage patch

Il Garbage Patch State non compare nelle carte geografiche ma esiste concretamente in tutta la sua drammaticità. Tra le isole Hawaii e la California una sterminata isola di spazzatura composta prevalentemente di plastica è sparsa sulla superficie dell’acqua e nei primi strati dell’oceano.

Maria Cristina Finucci lo ha riprodotto in dimensioni ridotte: è il progetto  Wasteland che da 2012 gira per il mondo con diverse installazioni artistiche che vanno a invadere spazi simbolo: nella sede del New York Times con un gigantesco serpentone di plastica; in occasione della cinquantacinquesima edizione della Biennale d’Arte di Venezia decine di migliaia di tappi di plastica hanno circondato il palazzo gotico di Ca’ Foscari sul Canal Grande.

Finucci Maria Cristina HELP

L’opera ha proseguito il suo viaggio a Madrid, al museo Maxxi di Roma, nella sede delle Nazioni Unite a New York e all’EXPO 2015 di Milano. In seguito, il Garbage Patch State si è trasformato in un’opera particolare chiamata Bluemedsaurus e nel 2016 una colossale installazione sull’isola di Mozia in Sicilia. Si trattava dell’opera HELP, formata da grandi gabbie di metallo riempite da cinque milioni di tappi di plastica recuperati attraverso la raccolta differenziata. Unite insieme formano la parola Aiuto. Un grido lanciato anche a Milano nell’ambito del Fuorisalone alla Design Week 2019, e a Roma nello scenario spettacolare dei Fori Imperiali.

Scopri il Garbage Patch State su garbagepatchstate.org