Previous
Next
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email

9 Dicembre 2020

Anidride carbonica a livelli record

In crescita nel 2020 nonostante la pandemia

photo carolina pimenta on unsplash

Secondo l’Organizzazione Meteorologica Mondiale, il rallentamento delle attività dovuto alla pandemia non ha frenato la crescita record di gas serra che stanno intrappolando il calore nell’atmosfera, aumentando le temperature e provocando condizioni climatiche più estreme, lo scioglimento dei ghiacci, l’innalzamento del livello del mare e l’acidificazione degli oceani.

Il blocco ha ridotto le emissioni di molti inquinanti e dei gas serra, ma le concentrazioni di CO2 -risultato cumulativo delle emissioni passate e presenti – non variano in modo sensibile rispetto alle annuali fluttuazioni del ciclo del carbonio dovuta alla naturale variabilità delle aree di assorbimento del carbonio come la vegetazione.

“L’anidride carbonica rimane nell’atmosfera per secoli e nell’oceano ancora più a lungo. L’ultima volta che la Terra ha sperimentato una concentrazione comparabile di CO2 è stata 3-5 milioni di anni fa, quando la temperatura era più calda di 2-3°C e il livello del mare era di 10-20 metri più alto di adesso. Ma non c’erano 7,7 miliardi di abitanti”, ha detto il segretario generale dell’OMM, il professor Petteri Taalas.

“Abbiamo superato la soglia globale di 400 parti per milione nel 2015. E solo quattro anni dopo, abbiamo superato le 410 ppm. Un tale tasso di incremento non si era mai visto nella storia dei nostri record. Il calo delle emissioni legato al blocco è solo un puntino sul grafico a lungo termine. 

Abbiamo bisogno di un continuo appiattimento della curva”, ha detto il Prof. Taalas “la pandemia COVID-19 ci fornisce una piattaforma per un’azione più sostenuta e ambiziosa per ridurre le emissioni a zero attraverso una completa trasformazione dei nostri sistemi industriali, energetici e di trasporto. I cambiamenti necessari sono economicamente accessibili e tecnicamente possibili e inciderebbero solo marginalmente sulla nostra vita quotidiana. È positivo che un numero crescente di paesi e aziende si siano impegnate a favore della neutralità delle emissioni di carbonio”, ha dichiarato. “Non c’è tempo da perdere”.

 

Leggi tutto l’articolo sul sito della WMO

Leggi anche:

L’11 aprile il mare entra nelle scuole italiane

Istituita nel 2018, la Giornata Nazionale del Mare ha lo scopo di sensibilizzare i giovani attraverso attività e momenti di…

Parte un progetto educativo per le scuole italiane

Il mare inizia da qui è il nuovo progetto di One Ocean Foundation che offre alle scuole italiane supporto e materiali…

Luna Rossa Prada Pirelli sostiene il nostro progetto”No Plastic in the Ocean”

Il 12 febbraio scorso Luna Rossa Prada Pirelli team ha messo all’asta due biciclette a favore del progetto “No plastic…