Previous
Next
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email

1 Gennaio 2021

Come l’oceano produce ossigeno

Il ruolo del fitoplancton

Photo: NOAA

I microrganismi marini, che costituiscono meno dell’1% della biomassa globale, svolgono il ruolo più importante nella produzione dell’ossigeno. Basti pensare che metà di quello che inaliamo con ogni respiro è prodotto dal fitoplancton marino. 

Questi microscopici organismi fotosintetici vivono nella colonna d’acqua (colonna concettuale di acqua che parte dalla superficie e scende fino ai sedimenti del fondo) e utilizzano la luce del sole, l’anidride carbonica e le sostanze nutritive sciolte nel mare per crescere e per produrre ossigeno. 

Alcuni fitoplancton sono coinvolti nella azotofissazione, e rendono biodisponibili forme di azoto come l’ammonio (NH4+) a partire dal gas azoto (N2), il nutriente limitante* che mantiene in equilibrio gli ecosistemi oceanici. Essi costituiscono anche la base della catena alimentare marina e sono l’organismo più abbondante nell’oceano, spesso dell’ordine di milioni di organismi per litro di acqua.

 

*Il termine “nutriente limitante” si riferisce a un elemento utilizzato nella produzione di cibo.

 

 

Credits to Maja Krass – Bachelor Thesis World Bachelor in Business Program: “How Private Vessels Can Aid Marine Scientific Research”, April 2020
 “Scientists’ warning to humanity: microorganisms and … – Nature.” 18 Jun. 2019,

 “With Every Breath You Take, Thank the Ocean | Smithsonian ….”

 

 

 

Vedi anche:

Perché l’oceano è così importante?

 

Leggi anche:

Dialogo con Rafael Sardà, membro del nostro Comitato Scientifico sull’importanza della pesca sostenibile

Il tema della pesca industriale e del suo enorme impatto sull’ecosistema è un argomento centrale nel dibattito pubblico odierno. Per…