Previous
Next
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email

31 Ottobre 2021

Detriti plastici nel Mediterraneo

Il carico totale annuo di plastica nel Mediterraneo è di circa 17.600 tonnellate

Il Mar Mediterraneo è considerato un punto caldo per l’inquinamento da plastica per via delle sue coste densamente popolate, della pesca, della navigazione, del turismo e del limitato deflusso di acque superficiali verso l’Atlantico. Allo stesso tempo, il Mar Mediterraneo è ricco di biodiversità, che lo rende un’area di interesse per la conservazione degli ecosistemi marini.

Un team di ricercatori ha sviluppato un modello per tracciare i percorsi dei detriti che affluiscono nel Mar Mediterraneo e ha stimato che il carico totale annuo di plastica che vi entra è di circa 17.600 tonnellate, di cui 3.760 tonnellate attualmente sono detriti galleggianti, e del totale, l’84% finisce sulle spiagge e il restante 16% finisce nella colonna d’acqua o al fondo del mare. L’uso di modelli predittivi è fondamentale per la designazione di piani di gestione e politiche di successo basati sull’ecosistema per la mitigazione dell’inquinamento da plastica.

Per saperne di più

Leggi anche:

I cambiamenti climatici si sono dimostrati forti cause di stress per molti organismi viventi, ma non per le meduse

Le meduse sono organismi indubbiamente curiosi – composte dal 98% di acqua e presenti nei nostri mari da un periodo…