Previous
Next
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email

19 Ottobre 2020

La Nautica punta sull’innovazione

Il settore è in salute e rilancia sulla “blue economy”

In attesa di capire cosa succederà con l’evoluzione della pandemia da Covid-19, l’industria nautica italiana si consola con l’ottima performance registrata dal settore negli ultimi cinque anni. Si è passati dal +15% del 2015 al +12% del 2019. Gli ultimi dati si riferiscono proprio al 2019 con un fatturato che si è attestato a 4,78 miliardi di euro per il settore. Le cifre sono state mostrate durante l’ultimo Salone Nautico di Genova che si è appena concluso grazie ai dati forniti dall’Ufficio Studi di Confindustria Nautica, con Fondazione Edison, Assilea ed EBI – European Boating Industry.

Per chi volesse approfondire, Confindustria Nautica ha realizzato la “Nautica in cifre”, pubblicazione giunta alla 41esima edizione, secondo la quale le buone notizie riguarderebbero anche la crescita del numero di addetti, arrivati a 23.510 (+ 5,4% sul 2018) con oltre 180mila addetti della filiera. Mentre il contributo della nautica al Pil italiano sarebbe del 2,22, con un aumento del 11,9% rispetto all’anno precedente. Il fatturato, invece, secondo la “Nautica in Cifre”, è diviso tra cantieristica (64,4%), accessori (27%) e motori (8,6%).

 

E i dati del 2020? Anche qui ci sono buone notizie. Se, infatti, tutti i settori del leasing e del noleggio a lungo termine hanno un segno negativo (-25%), la Nautica va in controtendenza facendo segnare un +30% nei primi nove mesi del 2020. La Nautica resta un settore molto competitivo ed orientato sempre più sull’innovazione, anche a livello delle piccole e medie imprese, è stato detto durante il convegno di presentazione dei nuovi dati. E proprio di innovazione e di futuro si è parlato durante l’evento “Nautica 2.0”, organizzato da Letyourboat, (Oscar dell’Innovazione come migliore impresa del settore turistico) e l’Associazione Vinacci Think Tank durante il Salone di Genova.

Un appuntamento all’insegna dell’innovazione che si è tenuto presso il Breitling Theatre. Al centro dell’incontro la “blue economy”, analizzata secondo diverse prospettive, soprattutto legate al turismo nautico e alle nuove opportunità per il settore e per l’economia del territorio. L’evento è stato moderato dal giornalista Franco Nativo e trasmesso in diretta su TeleGenova e FB. Tra gli ospiti, rappresentanti Istituzionali, Marina resort, associazioni di categoria, yacht management e media e ha dimostrato ancora una volta quanto l’industria che dipende dal mare e dalle sue risorse rimanga importante per l’economia.

Leggi anche:

Parte un progetto educativo per le scuole italiane

Il mare inizia da qui è il nuovo progetto di One Ocean Foundation che offre alle scuole italiane supporto e materiali…

Luna Rossa Prada Pirelli sostiene il nostro progetto”No Plastic in the Ocean”

Il 12 febbraio scorso Luna Rossa Prada Pirelli team ha messo all’asta due biciclette a favore del progetto “No plastic…

WOLF GmbH si unisce al nostro network di aziende per la sostenibilità

In occasione dell’inizio del Decennio per gli Oceani dell’ONU, WOLF GmbH ha aggiunto il proprio nome all’elenco delle aziende che…