Previous
Next
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email

8 Ottobre 2021

One Ocean Foundation presente alla 53^ Barcolana

Furio Benussi, skipper di Arca SGR e Ambassador di One Ocean Foundation, vince la regata di Trieste

“Congratulazioni al nostro Ambassador Furio Benussi e a tutto il team a bordo di Arca SGR per aver portato alla vittoria nella 53^ Barcolana anche i temi della tutela del mare – queste le parole di Riccardo Bonadeo, Vicepresidente esecutivo di One Ocean Foundation quando Arca SGR è arrivata in banchina. Ma ancora più importante – ha proseguito – è l’impegno costante e quotidiano di tutto il team a favore della mission di One Ocean Foundation, grazie al Fast and Furio Sailing Team così come alle altre nostre due flagship, Anywave di Alberto Leghissa con Mauro Pelaschier e Anemos II di Marco Bono”.

La Barcolana numero 53 si è svolta in condizioni meteo molto complesse, con improvvise quanto intense raffiche di Bora – il vento impetuoso e freddo che soffia su Trieste da Nordest – superiori ai 40 nodi, quasi 80 Km/h. Il maxi di 100 piedi – circa 30 metri – Arca SGR ha vinto dopo aver passato un altro concorrente nel secondo lato della regata, successivo alla boa in acque slovene, a dimostrazione dell’impegno richiesto per essere vincenti anche quando si è dati per favoriti.

 

 

Alla grande soddisfazione del team vincitore fa seguito quella di One Ocean Foundation che, oltre alle barche in regata con i colori della Fondazione, ha svolto con successo le attività programmate a terra: la divulgazione della Charta Smeralda, grazie all’ospitalità nei propri stand della Federazione Italiana Vela e di Arca SGR e l’incontro di un gruppo di piccoli atleti della Società Velica Barcola e Grignano a bordo di Anemos II con Caterina Banti, neo ambasciatrice della Fondazione e oro olimpico a Tokyo 2020, e Mauro Pelaschier. I due Ambassador hanno parlato di vela ma soprattutto di sostenibilità e buone pratiche quando si è bordo, assieme a loro anche l’astro nascente triestino, Alice Linussi, timoniera di Anemos, che ha portato la barca a concludere al 9° posto assoluto.

Anywave invece è stata vittima delle difficili condizioni meteo ed ha sofferto un disalberamento, senza alcuna conseguenza per l’equipaggio e gli ospiti a bordo. In ossequio all’impegno verso il progetto RECO (Responsabile ecologico di bordo) e ai dettami della Charta Smeralda l’albero è stato successivamente recuperato dal fondo del mare e riportato a terra grazie al lavoro delle unità nautiche e sommozzatori dei Vigili del Fuoco di Trieste.

One Ocean Foundation ha inoltre preso parte al Sea Summit nei giorni antecedenti la regata. In apertura, il 6 ottobre, il vicepresidente esecutivo Riccardo Bonadeo ha preso parte a una tavola rotonda con la delegata alla sostenibilità della Federvela, Flavia Tartaglini, e al presidente di Barcolana, Mitja Gialuz. Il giorno successivo è stata la volta del membro del Comitato Scientifico di One Ocean Foundation, Sandro Carniel, che è intervenuto con un video sul tema “Il mare comincia da qui”.  

GUARDA IL VIDEO

 

Leggi anche:

In quanto sustainability partner, One Ocean Foundation ha installato dei dispenser di acqua microfiltrata a disposizione dei concorrenti.

Malcesine, Lago di Garda – Trenta equipaggi internazionali hanno iniziato presso la Fraglia Vela di Malcesine, sulla sponda veronese del…

Imprese, Istituzioni, aziende, studiosi, atleti riuniti in Borsa Italiana per proteggere il mare.

In data 21 settembre,  a Palazzo Mezzanotte, sede di Borsa Italiana, si è tenuto, con il patrocinio del Comune di…

Il timoniere di Luna Rossa in America’s Cup al campionato mondiale della classe Moth

Francesco Bruni, timoniere di Luna Rossa in America’s Cup e ambassador di One Ocean Foundation torna a volare sull’acqua, su…