Previous
Next
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email

25 Novembre 2021

#Milanoperilmare: a Milano il primo One Ocean Summit Young, per creare una Generazione Oceano

320 studenti di Milano hanno incontrato scienziati, ricercatori e atleti in una mattinata totalmente dedicata all'oceano

Parte da Milano il primo format di eventi destinato ai ragazzi delle scuole superiori per informare, educare e sensibilizzare i giovani riguardo all’impatto del mare sulle nostre vite e delle nostre vite sul mare. Al Piccolo Teatro Strehler il 22 novembre, a pochi giorni dalla conclusione della COP26, si è tenuto il primo One Ocean Summit Young a cui hanno partecipato 15 classi di diverse scuole superiori di Milano e altrettante si sono collegate da tutta Italia per seguire l’evento in streaming. L’iniziativa di One Ocean Foundation è stata patrocinata dal Comune di Milano per promuovere un cambiamento educativo blu.

A livello globale, considerando la popolazione che va dai baby boomers alla generazione Z, emerge che quasi il 60% non dispone di informazioni precise sull’inquinamento dell’oceano. Per un futuro realmente sostenibile è quindi fondamentale informare e sensibilizzare fin da giovani i cittadini di domani, promuovendo progetti formativi basati sul SDG14 delle Nazioni Unite per la salvaguardia degli oceani, dei mari e delle risorse marine.

“E’ tutto incredibilmente interconnesso: la pioggia che cade su Milano proviene da grandi perturbazioni originatesi sull’Oceano Atlantico”, ha ricordato Sandro Carniel, Dirigente di Ricerca presso l’Istituto di Scienze Polari del CNR di Venezia. “Ecco perché il mare inizia da dove ci troviamo noi, indipendentemente da quali possono essere le coordinate geografiche. Ed ecco perché proteggere il mare è un impegno che spetta a ciascuno di noi”.

A intervenire in questa giornata dedicata ai giovani sono stati scienziati, ricercatori e atleti di sport acquatici del calibro di Mauro Pelaschier, Furio Benussi, Max Sirena, Roberto d’Amico e Chiara Obino, che hanno spiegato ai ragazzi di come la loro passione per il mare sia diventata una professione. Il panel di esperti si é confrontato con i giovani studenti in sala e online, in un dibattito sulla vita di chi lavora per il mare, e il futuro delle nuove professioni blu.

A conclusione del Summit è stata lanciata la One Ocean Young Challenge , una sfida multidisciplinare e creativa per il mare rivolta agli studenti delle classi III, IV e V delle scuole superiori del Comune di Milano. Gli studenti, che potranno partecipare singolarmente o in gruppi fino a sei partecipanti, diventeranno così protagonisti del cambiamento raccontando la propria visione e interpretazione sul ruolo del mare nelle nostre vite attraverso la scienza, l’arte e le parole.

La challenge è aperta fino alle 12:00 del 10 Dicembre 2021 e vanta il contributo di Canva che ha messo a disposizione degli studenti profili educational per creare i contenuti necessari. Maggiori informazioni circa la partecipazione all’iniziativa visitare sul sito la pagina Young.

Leggi anche:

I cambiamenti climatici si sono dimostrati forti cause di stress per molti organismi viventi, ma non per le meduse

Le meduse sono organismi indubbiamente curiosi – composte dal 98% di acqua e presenti nei nostri mari da un periodo…

Il cambiamento climatico spinge il plancton a dirigersi verso i poli destabilizzando l’equilibrio della catena alimentare marina.

Il plancton svolge un ruolo chiave nell’ecosistema marino e nella rete trofica: il fitoplancton utilizza la fotosintesi per fissare l’anidride…