Previous
Next
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email

6 Agosto 2020

Pesca responsabile

La politica comunitaria della pesca

  • 2 minuti
photo Thomas Millot

Per secoli siamo usciti in mare a pescare. Un’impresa spesso pericolosa, ma anche un’occupazione fruttuosa e fonte d’orgoglio per i pescatori.

Per i nostri antenati la vita in mare era ricca. Il pesce era abbondante e pronto ad essere catturato. Oggi siamo tutti consapevoli che non è più così. La pressione sugli stock ittici è in costante aumento e la pesca sostenibile è diventata una questione di sopravvivenza.

Nell’Unione Europea il legame tra “salute ecologica” degli stock ittici e la salute economica delle comunità di pescatori è ormai assodato. Ecco perché la nostra politica comunitaria pone già la sostenibilità al centro della pesca.

Cosa significa?

1. affidarsi all’indagine scientifica e fissare i limiti di cattura a livelli responsabili: oggi vengono pescati più stock a livelli sostenibili che mai.

2. lavorare con ricercatori e i pescatori per eliminare gradualmente le pratiche dannose come lo scarto.

3. sviluppare nuove tecnologie e pratiche di pesca rispettose dell’ambiente che rendono l’industria della pesca più innovativa e, in definitiva, anche più competitiva.

L’Unione europea ha convenuto che entro il 2020 tutti gli stock ittici dovrebbero essere sfruttati a livelli sostenibili. In pratica ciò significa prelevare la massima quantità possibile di catture dal mare senza compromettere la produttività a lungo termine degli stock. Questo è noto come il massimo rendimento sostenibile (MSY).

 

La situazione nell’Atlantico nord-orientale

Nell’Atlantico nord-orientale e nelle acque adiacenti (Mare del Nord, Mar Baltico, Skagerrak, Kattegat, Mare della Scozia occidentale, Mare d’Irlanda e Mar Celtico), i ministri della pesca dell’UE hanno fissato limiti di cattura sulla base di pareri scientifici. Queste catture totali ammissibili (TAC) sono quindi suddivise in quote nazionali, che fissano limiti alla quantità di pesci che possono essere catturati.

Esplora questo documento della Comunità Europea e scopri tutto ciò che c’è da sapere sulla pesca e sulla provenienza del pesce che mangi

https://ec.europa.eu/fisheries/sites/fisheries/files/docs/body/pcp_en.pdf

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Leggi anche:

  • < 1 min.

Il nuovo report "Focus – Fashion Industry"

One Ocean Foundation, in collaborazione con SDA Bocconi Sustainability Lab e con il patrocinio di Camera Nazionale della Moda Italiana,…
  • 2 min.

L’eccesso di azoto e fosforo minaccia gli oceani

L’eccessiva concentrazione di azoto e fosforo proveniente da attività terrestri come l’agricoltura, le fognature, il deflusso industriale e la combustione di…