Previous
Next
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email

15 Aprile 2020

Se si scalda il mare

Le Hot Zones mostrano come sarà un mare più caldo di 2°

  • < 1 minuti
se-si-scalda-il-mare

Quel giorno in cui le vongole gialle diventarono nere è impresso per sempre nella memoria di Ramon Aguero. Era l’estate del 1994. Qualche giorno prima ne aveva fatto un raccolto generoso, 20 secchi di vongole d’acqua fredda dal guscio sottile, che si trovano nella sabbia di un lungo tratto di spiaggia vicino a Barra del Chuy, appena a sud del confine brasiliano. Aguero scavava queste vongole fin dall’infanzia, un sostentamento tramandato da generazioni lungo queste coste.
Ma quel giorno il pescatore ormai settantenne trovò la spiaggia coperta di vongole morte a perdita d’occhio, e pianse.

La scomparsa di queste vongole è il segnale allarmante di una nuova era climatica, un segno precoce della trasformazione di questa costa. Gli scienziati sospettano che l’evento sia collegato a una gigantesca bolla di acqua calda che si estende dalla costa uruguaiana fino all’Atlantico meridionale, diventata anche più calda negli anni successivi.

La misteriosa bolla copre 130.000 miglia quadrate di oceano, un’area quasi due volte più grande di questo piccolo paese. E si è riscaldata molto rapidamente, oltre i 2°C, nell’ultimo secolo, il doppio della media globale.

L’intero oceano si sta riscaldando, ma alcune parti stanno cambiando molto più velocemente di altre. La bolla è stata identificata per la prima volta dagli scienziati nel 2012, ma è ancora poco compresa e non ha ricevuto praticamente alcuna attenzione pubblica.

Leggi tutta la storia:
https://www.independent.co.uk/news/long_reads/science-and-technology/climate-change-global-warming-endangered-animals-ocean-a9104596.html

Leggi anche:

  • < 1 min.

6 schede da colorare per parlare del mare ai bambini

La salvaguardia del mare è priorità per il team di Luna Rossa Prada Pirelli.  “Ogni volta che usciamo ci imbattiamo…
  • < 1 min.

Il rapporto delle Nazioni Unite sugli accordi di Aichi per la biodiversità

Nel 2010, i leader di 196 paesi riuniti in Giappone avevano concordato un elenco di 20 obiettivi per salvare la…
  • 2 min.

Nuova attività di rilevamento sonoro nel Canyon di Caprera

One Ocean Foundation, grazie alla nuova partnership con il Centro NATO per la Ricerca Marittima e la Sperimentazione (NATO-CMRE STO)…