Previous
Next
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email

26 Novembre 2021

Un mare di meduse

I cambiamenti climatici si sono dimostrati forti cause di stress per molti organismi viventi, ma non per le meduse

Le meduse sono organismi indubbiamente curiosi – composte dal 98% di acqua e presenti nei nostri mari da un periodo che va dai 500 ai 700 milioni di anni – questi animali planctonici sono presenti in tutti i 5  oceani e sono una componente importante di un ecosistema marino in equilibrio.

Nel momento in cui l’ecosistema non è più in equilibrio, le meduse possono diventare un problema, e questo è quello che sta accadendo: diversi sono i fattori coinvolti e il cambiamento climatico è uno dei più importanti. Temperature più elevate dell’acqua prolungano la durata dei bloom di meduse e aumentano la riproduzione invernale di alcune specie determinando un’esplosione del numero di meduse che sta radicalmente alterando alcuni ecosistemi, tra cui il Mar Mediterraneo.

Un ulteriore fattore scatenante è probabilmente dovuto dall’eutrofizzazione dovuta all’uso eccessivo di fertilizzanti in agricoltura causa bloom di alghe marine che possono creare “zone morte” con basse concentrazioni di ossigeno, in cui i pesci non possono sopravvivere, ma a cui le meduse possono facilmente adattarsi e prosperare anche per l’assenza dei predatori naturali.

Scopri di più

 

Leggi anche:

La dottoranda Annalisa Azzola spiega le conseguenze del cambiamento climatico su questi delicati organismi marini

“I coralli sono gli “architetti” dell’ambiente marino ” spiega Annalisa Azzola, Dottoranda in Scienze e tecnologie del Mare presso il DISTAV,…

Le balenottere comuni potrebbero aiutare gli scienziati a mappare ciò che si trova sotto il fondo del mare

I canti delle balenottere comuni possono arrivare fino a 189 decibel e ogni canto può durare fino a 5 ore….