Previous
Next
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email

8 Settembre 2020

La mappa delle infrastrutture marine

Uno studio classifica le infrastrutture che insistono sugli oceani

  • < 1 minuti
photo: Maksym Kaharlytskyi @unsplash

Lo sviluppo delle infrastrutture nell’oceano è stato per la prima volta mappato e misurato. Un gruppo di scienziati appartenenti a università e istituti di ricerca di Sidney hanno pubblicato una  ricerca secondo la quale un’area di circa 30.000 chilometri quadrati – l’equivalente dello 0,008% dell’oceano – è ad oggi modificata dalle costruzioni dell’uomo.

Se però nel calcolo si includono le aree circostanti che ne sono influenzate perché il flusso delle acque ne risulta alterato o inquinato, si arriva a due milioni di chilometri quadrati, ovvero oltre lo 0,5% dell’oceano.

Nel calcolo rientrano le aree interessate da tunnel e ponti, le infrastrutture per l’estrazione di energia (ad esempio, piattaforme petrolifere e di gas e i parchi eolici), per la navigazione (porti e porti turistici), le infrastrutture per l’acquacoltura e le barriere artificiali come le dighe foranee.

“Dalla metà del XX secolo lo sviluppo delle infrastrutture in mare si è intensificato con conseguenze positive in alcuni casi e negative in altri, evidenziando la necessità di migliorarne la gestione con norme specifiche. La maggior parte infatti interessa le zone costiere, che sono le più biologicamente attive e anche e più delicate”. Dice la Dr.ssa Ana Bugnot, responsabile della ricerca.

 

Leggi tutto l’articolo pubblicato dall’Università di Sidney su Science Daily il 31/08/ 2020

Leggi anche:

  • < 1 min.

6 schede da colorare per parlare del mare ai bambini

La salvaguardia del mare è priorità per il team di Luna Rossa Prada Pirelli.  “Ogni volta che usciamo ci imbattiamo…
  • < 1 min.

Il rapporto delle Nazioni Unite sugli accordi di Aichi per la biodiversità

Nel 2010, i leader di 196 paesi riuniti in Giappone avevano concordato un elenco di 20 obiettivi per salvare la…
  • 2 min.

Nuova attività di rilevamento sonoro nel Canyon di Caprera

One Ocean Foundation, grazie alla nuova partnership con il Centro NATO per la Ricerca Marittima e la Sperimentazione (NATO-CMRE STO)…